ai mondiali, costi quel che costi

23 Giugno 2010: di Dave su costume_e_societa, 858 letture

la nave e' pronta, lo scopo e' umanitario,ma..

l'Iran e' molto scocciato di essere stato eliminato dalla fase finale della World Cup,e le donne iraniane ne vogliono approfittare per affermare la loro emancipazione..
appena ottenuto dal loro governo il benestare di non vestire lo chador durante le partite,sono pronte a rientrare dalla finestra dopo che il loro paese ha ricevuto la porta in faccia della esclusione dal campionato del mondo,,,

saliranno sulla nave allestita per portare aiuti a Gaza,ben sapendo che l'Egitto non consentira' il passaggio da Suez, Allora quale via migliore ed alternativa al canale, che scendere lungo l'Africa e sbarcare a Citta' del Capo?

faranno in tempo a partecipare alla fase finale della competizione, forti della loro bellezza ormai libera di mostrarsi...
che la nave vada pure avanti da sola, passi Gibilterra e prosegua per Gaza, a farsi assaltare dalle motovedette israeliane, a loro del Sionismo non importa un accidente...

taca la bala, rapide, e senza velo, viva le donne libere,il loro grido, ad ogni costo,
all'attacco, con amore...




Dave