Piacere,cannibale

17 Ottobre 2007: di Berangher su primopiano, 671 letture

-La carne umana ha lo stesso sapore di quella di maiale, è solo leggermente più amara, ma più sostanziosa. E'buona davvero-. Armin Meiwes - tedesco di Rotenburg - nel 2001 ha ucciso e divorato un uomo; oggi si racconta all'emittente privata Rtl.La vicenda ha tutti gli ingredienti dell'horror. Dopo averla conosciuta su Internet, Meiwes invitò la sua sua vittima- a casa il 10 marzo del 2001, quindi la uccise e divorò, riprendendo tutto con un video. Vittima appunto tra virgolette, perché l'esperto berlinese di computer che quella sera si recò da Meiwes era consapevole e consenziente.Meiwes sedò e semi-anestetizzò l'uomo con alcool e sonniferi. Poi lo evirò e ne cucinò i genitali. La vittima, ancora in vita, condivise la cena con il cannibale. Finito l'uomo con una coltellata, Meiwes ne conservò poi i resti nel freezer per scongelarli e mangiarli nel corso del tempo.A Rtl, ha raccontato che ebbe-una sensazione strana- perché attendeva -da 30 anni quel momento- Armin Meiwes ha oggi 46 anni. E' stato condannato in primo grado di giudizio ad otto anni di carcere, in quanto riconosciuto colpevole non di omicidio, ma di suicidio assistito. Il processo di appello si è concluso con una condanna all'ergastolo.Non gli è stata mai riconosciuta l'infermità mentale. Oggi dichiara di considerarsi -una persona servizievole, sempre disposto ad aiutare chiunque-. E' vero - ammette - solo in linea di principio sono una persona normale- e riconosce che gli altri potrebbero vedere in lui -qualcosa di mostruoso-.Parlando della sua vittima, ha aggiunto -è una bella sensazione sapere che adesso lui è diventato parte di me.-Il cannibale ricorda di aver amato molto da bambino la favola di -Hansel e Gretel-, che gli leggeva la madre, trovando particolarmente -interessante quando Hansel deve essere mangiato- Voi non immaginate nemmeno quanti Hansel si aggirano su internet. A suo dire, in Germania ci sarebbero oltre 10mila tra cannibali e potenziali vittime che cercano di contattarsi via internet.




virgilio.it